Questa mattina a Perugia all’inaugurazione dell’anno giudiziario della Corte d’Appello. “La criminalità – ha detto il Procuratore Generale Costagliola riferendosi al quadro tracciato dalla procura di Perugia – si insinua attraverso attività e presenze non immediatamente allarmanti”. In Umbria sono state segnalate persone “collegate a cosche della ‘ndrangheta” che riciclano capitali lontano dalla Calabria. I primi casi di infiltrazione – è stato detto ancora – risalgono ai lavori di ricostruzione post-sisma del 1997. Tornando al primato della droga, Costagliola ha sottolineato che alla crescita del consumo “contribuisce il basso prezzo delle sostanze stupefacenti, dovuto alla presenza sul territorio di un’offerta elevata e proveniente da gruppi in concorrenza tra loro”.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi