Marini, positivo che ministro Orlando l’abbia promossa (ANSA) – PERUGIA, 9 DIC – “È stato molto importante e positivo che il ministro Andrea Orlando, anche accogliendo una richiesta avanzata dalla Regione Umbria, abbia voluto promuovere questo incontro con tutti i soggetti competenti a decidere sul riassetto funzionale delle sedi degli uffici giudiziari della città di Perugia e gli uffici giudiziari della regione, Corte d’appello e procura generale”: così la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, al termine della riunione che si è tenuta oggi, a Roma, sul progetto per la realizzazione, nell’area dell’ex Carcere di Perugia, della “cittadella giudiziaria”. “La riunione – ha proseguito la presidente – presieduta dal sottosegretario Cosimo Ferri, ha permesso di entrare nel merito operativo di un percorso che vede convergere due possibili interessi. Da un lato quello di fornire una sede idonea agli uffici giudiziari, anche attraverso la realizzazione di un progetto di cittadella della giustizia, che da quasi 15 anni l’amministrazione comunale di Perugia prova a perseguire e, dall’altro l’obiettivo di una qualificazione funzionale e di riutilizzo dell’area di proprietà demaniale dell’ex carcere di Perugia in piazza Partigiani. Si tratta di un progetto ambizioso, che richiederà anni per la realizzazione, ma è decisamente importante definire oggi, anche attraverso questa cabina regia del ministero di giustizia, le tappe operative e concrete di questo percorso. Oltre che condividere l’obiettivo strategico ritengo che sia prezioso il metodo istituzionale perseguito: quello dei farsi carico delle esigenze espresse dal territorio, sia dai vertici della giustizia che operano a Perugia ed in Umbria, sia dalle istituzioni territoriali Comune e Regione. Finalmente questa prima riunione voluta dal ministro Orlando si fa carico di portare nelle opportune sedi decisionali il progetto di una Cittadella della giustizia e di una riunificazione delle attuali 20 sedi su cui oggi si articolano le attività dell’amministrazione della giustizia del capoluogo regionale, con gravi disagi per operatori del settore, magistrati e personale, per l’avvocatura e per i cittadini. La riunione è stata anche particolarmente apprezzata perché confermata dal ministro pure nel quadro dell’attuale situazione che riguarda il governo”. All’incontro, presieduto dal Sottosegretario Ferri, hanno partecipato – riferisce la Regione in una nota – tra gli altri, il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, la senatrice Valeria Cardinali, il presidente della Corte d’Appello di Perugia, Mario Vincenzo D’Aprile, il procuratore generale di Perugia, Fausto Cardella, il procuratore capo di Perugia, Luigi De Ficchy, il presidente del Tribunale di Perugia, Aldo Criscuolo, il presidente dell’Ordine degli avvocati di Perugia Gianluca Calvieri, il capo dipartimento dell’organizzazione giudiziaria Gioacchino Natoli, Il vice capo di Gabinetto vicario, Gemma Tuccillo, il direttore generale del Ministero, rappresentanti dell’Agenzia del Demanio e delle Opere pubbliche ed il capo della segreteria politica del Ministro. (ANSA).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi